Benvenuto
Nome di Login:

Password:



[ ]
[ ]
Menù Principale
· Home
turni di presidio
Servizi per i Volontari
LINK
Data / Ora
 
Prossimi Eventi
Nessun evento prossimo
Nessun evento in questo mese.

LunMarMerGioVenSabDom





12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31





ARTICOLI PUBBLICATI:

Online
Ospiti: 4
Utenti: 0
In questa pagina: 1
Totale: 153, Ultimo: FasseroMarco
Citazioni
Compleanno degli Utenti:
Nessun compleanno oggi

Prossimi compleanni
18/12 grazia (7)
01/01 Stefano Marcati (8)
12/01 Davide_Inge (8)
17/01 Farinella Ottavio (58)
26/01 Claudio bobba (6)
REGOLAMENTO COORDINAMENTO VERCELLI

REGOLAMENTO

Allegato
“C” alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 3060 del 5 febbraio 2002

ART. 1

Premessa

Le Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile che aderiscono liberamente al Coordinamento provinciale, secondo le possibilità garantite per legge, assicurano:

1.che tra i propri scopi statutarie le attività svolte sono previsti quelli di cui all’art. 3 della L. 24 febbraio 1992, n. 225;

2.di impegnarsi ad operare per il conseguimento delle finalità e degli obiettivi del Coordinamento, con spirito di mutua collaborazione, evitando ogni forma di concorrenza ed ogni atto che può arrecare danno o intralcio alle attività del Coordinamento stesso, nel prioritario interesse della società e dei cittadini;

3.di rispettare e far rispettare dai propri soci il presente regolamento;

4.di farsi rappresentare da un proprio delegato designato al momento della richiesta di adesione.

ART. 2

Articolazione del Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo è rappresentativo di tutti  i settori di intervento in cui operano le Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile che aderiscono al Coordinamento provinciale.

A tal fine vengono individuati i seguenti settori:

·Logistica ed assistenza alla popolazione;

·Interventi tecnici;

·Gruppi specializzati

·Gruppi Comunali.

Il Consiglio Direttivo delibera in merito all’inserimento del nuovo socio in uno dei suddetti settori.

ART. 3

Modalità di adesione

Per aderire al Coordinamento occorre inoltrare apposita domanda secondo il modello approvato dal Consiglio Direttivo, completa di tutti i dati richiesti, compresa una autocertificazione con i dati dell’iscrizione al Registro Regionale del Volontariato o all’elenco nazionale del Dipartimento della Protezione Civile, o dichiarando di avere in corso le richieste di iscrizione;

Sarà cura del Legale Rappresentante dell’Organizzazione in attesa di iscrizione di comunicare tempestivamente i dati relativi all’avvenuta iscrizione;

Il Legale Rappresentante,in nome e per conto dell’Organizzazione, accetta e sottoscrive lo Statuto del Coordinamento e il Regolamento, in tutti i suoi articoli nessuno escluso;

Le Organizzazioni si impegnano a comunicare tempestivamente al Consiglio Direttivo qualsiasi variazione apportata al proprio interno e di interesse per il Coordinamento;

Le Organizzazioni che per qualsiasi motivazione non intendano più aderire al Coordinamento sono tenute ad informare per iscritto il Coordinamento stesso.

ART. 4

Provvedimenti del Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo, venuto a conoscenza di azioni o comportamenti non corretti o lesivi verso lo stesso o il Coordinamento da parte di una o più Organizzazioni aderenti o di loro aderenti, provvede ad accertare la veridicità dei fatti e può dar corso ad uno o più dei seguenti provvedimenti:

1.richiamo scritto

2.sospensione.

Il richiamo scritto è quel provvedimento volto ad avvertire l’Organizzazione interessata di un comportamento non corretto o lesivo per il Coordinamento da parte di uno o più aderenti l’Organizzazione stessa: per questioni di carattere disciplinare relative ai soci delle Organizzazioni restano valide le norme previste dai singoli statuti ed i soli organi competenti ad assumere provvedimenti disciplinari verso i soci sono quelli indicati dai rispettivi statuti.

La durata della sospensione viene deliberata dal Consiglio Direttivo.

L’Organizzazione interessata da provvedimenti assunti dal Consiglio Direttivo, entro trenta giorni dalla data di spedizione della comunicazione scritta del provvedimento, può far ricorso presentando allo stesso una memoria scritta che sospende gli effetti del provvedimento fino a nuova pronuncia.

ART. 5

Partecipazione

Per il conseguimento degli obiettivi del Coordinamento è fondamentale la partecipazione costante e consapevole dei rappresentanti delle Organizzazioni aderenti.

Ciascuna Organizzazione si impegna a sollecitare il proprio rappresentante all’esercizio del mandato assegnato.

Il Presidente, nel caso in cui si verifichino tre assenze consecutive  non giustificate da parte di un consigliere, si riserva di chiederne la sostituzione al Consiglio Direttivo con il primo dei non eletti rappresentanti lo stesso settore di intervento.

Nel caso in cui ciò non sia possibile assumerà la carica il primo dei non eletti più anziano.

ART. 6

Rimborsi

Le Organizzazioni di Volontariato aderenti al Coordinamento impegnano i propri soci a svolgere le attività di protezione civile non richiedendo né accettando alcuna forma di compenso personale.

Il Coordinamento, nei limiti della copertura finanziaria, provvederà al rimborso delle spese sostenute da un socio di un’Organizzazione aderente o dall’Organizzazione stessa solo dietro dettagliata rendicontazione e preventiva autorizzazione della spesa stessa da parte del Consiglio Direttivo.

ART. 7

Norma finale

Le modifiche al presente Regolamento sono effettuate solo in sede di Assemblea, su proposte avanzate da rappresentanti delle Organizzazioni aderenti a mezzo di votazione a maggioranza semplice.

Letto, firmato e sottoscritto.